Abbildungen der Seite
PDF
EPUB

ARGUMENT

The subject proposed. Address to the Earl of Wilmington. First approach of Winter. According to the natural course of the season , various storms described. Rain. Wind. Snow. The driving of the snows: a man perishing among them; whence reflections on the wants and miseries of human life. The wolves descending from the Alps and Appenines. A winter evening described : as spent by philosophers; by the country people; in the city. Frost. A view of winter within the polar circle. A thaw. The whole concluding with moral reflections on a future state.

See, WINTER comes, to rule the varied year,
Sullen and sad, with all his rising train;
Vapours, and Clouds, and Stornis. Be these may theme; ;
These! that exalt the soul to solemn thought,
And heavenly masing. Welcome, kindred glooms!
Congenial horrors, bail! with frequent foot,
Pleas'd have I, in my cheerful morn of life,
When nurs'd by careless solitude I liv'd,
And sung of Nature with unceasing joy,
Pleas'd have I wander'd thro' your rough domain;
Trod the pare virgin-snows, myself as pure;
Heard the winds roar, and the big torrent burst;
Or seen the deep fermenting tempest brew'd

1

IN V ER NO

ARGOMENTO

Dichiarazione del soggetto. Indirizzo al conte di Wilmington. Il primo apparir dell'Invervo. Si descrivono varie burrasche secondo il corso naturale della stagione. Pioggia. Vento. Neve. Il fioccar delle nevi. L'uomo che in quelle perisce; d'onde i riflessi su i bisogni e miserie della vita umana. I lupi che scendono dalle Alpi e dagli Apennini. Descrizione di una sera d'Inverno. Come ima: piegata dai filosofi, dagli abitanti nella campagna , come in città. Gelo. Un prospetto d'Inverno sotto il cerchio , polare. Il dimoiar della neve. Concbiusione del tutto con riflessi morali sulla vita futura.

Mira! l'INVERNO, orrido e mesto, viene a regnar sul variato anno con ogni suo nascente corteggio di vapori, di nuvole e di procelle. Siano queste il mio tema, queste che elevan la mente ad un maestoso pensiero e alla contemplazione del cielo. Io vi saluto, amiche oscurità , orrori a me conformi io vi saluto. Per me era un piacere sal lieto albeggiar della mia vita , quando io vivea in braccio di una pacifica solitudine e con indefesso trasporto cantava della Natura, era per me on piacere il volger frequente qua e là il piè pel vostro sparuto impero; il calpestare le verginelle intatte nevi , pare al par di me stesso; l'udire il muggito dei venti ed il fremito dei turgidi fiumi; o il rimirar salla sera pel lurido cielo la cupo-bollente minacciosa tempesta.

In the grim evening sky. Thus pass'd the time,
Till through the lucid chambers of the south
Look'd out the joyous SPRING, look'd out, and smil'd.

To thee , the patron of her first essay, The Muse, O WILMINGTON ! renews her song. Since has she rounded the revolving year ; Skimm'd the gay Spring ; on eagle pinions borne, Attempted through the Summer-blaze to rise; Then swept o'er Autumn with the shadowy gale; Roll'd in the doubling storm, she tries to soar; To swell her note with all the rushing winds; To suit her sounding cadence to the floods; As is ber theme, her numbers wildly great: Thrice happy! could she fill thy judging ear With bold description, and with manly thought.

Nor art thou skill'd in awful schemes alone,
And how to make a mighty people thrive;
But equal goodness, sound integrity,
A firm unshaken uncorrupted soul
Amid a sliding age, and burning strong,
Not vainly blazing for thy country's weal,
A steady spirit regularly free;
These , each exalting each, the statesman light
Into the patriot; these, the public hope
And eye to thee converting, bid the Muse
Record what envy dares not flattery call.

Now when the cheerless empire of the sky
To Capricorn the Centaur Archer yields,
And fierce Aquarius stains th' inverted year;
Hang o'er the farthest verge of heaven, the sun
Scarce spreads through ether the dejected day.
Faint are his gleams, and ineffectaal shoot
His struggling rays, in horizontal lines,

e

Cosi passava io il tempo, finchè per traverso alle luminose foci ineridionali appariva brillante la Primavera, nell'apparir sorridea.

O WILMINGTON, a te rinnuova il suo canto la Musa, a te, mecenate dei primi saggi suoi. Dopochè ella aggirossi tra le vicende dell'anno, toccò lievemente la vaga Primavera; e, librata su i vanni di aquila, tentò sollevarsi tra l'ardor dell' Estate; quindi con ombrifera auretta percorse l'Autunno; ed ora , aggruppata in raddoppiate bufere, si prova di nuovo ad ergere il volo tra i nembi d'Inverno, ad elevare il suo canto con gl' impetuosi aquiloni , ad accordar la sua sonora cadenza coi flutti , orribilmente grandiosa nei metri suoi non menochè nel suo tema; tre volte felice! se dato le fia di rendere pago l'orecchio tuo discernitore con descrizioni animate e con robusti concetti. Tu non sei esperto soltanto nei terribili piani di guerra, e nell'arte di far prosperare una possente nazione; ma l'apiforme bontà, l'integrità senza macchia, un'anima ferma, imperturbabile e pura in un secolo che deteriora; un coraggio intrepido, libero e moderato, che con zelo si accende e non in vano divampa per la salvezza della tua Patria; queste doti , di cui l'una dà all'altra risalto, che rendono cbiaro nel cittadino l'uomo di stato; queste, che fissano sopra di te la speme e gli sguardi del pubblico, vogliono che rammenti la Musa ciò che non ardisce l'invidia tacciare di adulazione.

Or quando il Sagittario cede al Capricorno il non più lieto dominio del cielo, e furioso l'Aquario intorbida la cangiata stagione, il sole, che domina nella più remota parte del firmamento, spande a pena per l'aria lo sconsolato giorno. Languidi sono i tratti della sua luce, ed i suoi orizzontali tremuli

Through the thick air; as cloth'd in cloudy storm,
Weak, wan, and broad , he skirts the southern sky;
Avd, soon descending to the long dark night,
Wide-shading all , the prostrate world resigns.
Nor is the night anwisb'd; while vital heat,
Light, life, and joy, the dubious day forsake.
Meantime, in sable cincture, shadows vast,
Deep-ting’d and damp, and congregated clouds,
And all the vapoury turbulence of heaven,
Involve the face of things. Thus Winter falls,
A heavy gloom oppressive o'er the world;
Through Nature sbedding influence malign,
And rouses up the seeds of dark disease.

The soul of man dies in him, loathing life, And black with more than melancholy views. The cattle droop; and o'er the furrowed land Fresh from the plough, the dun-discolour'd flocks, Untended spreading, crop the wholesome root. Along the woods, along the moorish fens, Sighs the sad Genius of the coming storm; And up among the loose disjointed cliffs, And fractur'd mountains wild, the brawling brook And cave, presageful, send a hollow moan, Resounding long in listening Fancy's ear.

Then comes the father of the tempest forth, Wrapt in black glooms. First joyless rains obscure Drive through the mingliug skies with vapour foul, Dash on the mountain's brow, and shake the woods, That grumbling wave below. The unsightly plain Lies a brown deluge ; as the low-bent clouds Pour flood on flood, yet unexhausted still Combine , and deepening into night, shut up

« ZurückWeiter »