Abbildungen der Seite
PDF
[merged small][merged small][merged small][merged small][ocr errors][ocr errors][ocr errors]

Quaranta campagne, dall'ottanta al ventuno; quattro guerre in Grecia, nell'Albania, a Candia, in Dalmazia; dieci espugnazioni di fortezze, a Santamaura, alla Prèvesa, a Corone, a Navarino, a Modone, a Natiplia, a Castelo a Malvasia, alla Vallona, ed a Scio; tre battaglie ni ad Andro, al Fogliero, al Matapan : due assedi ini alla Canèa ed a Dulcigno: due vascelli sottois la Stella d'Algeri, ed il Falco di Tripoli, e tanti altri combattimenti vittoriosi di legni minori; i soccorsi il tempo di fame e di peste, e la gratitudine dei con"mporanei, più delle gemme incastonate sul pomo della o Spada di onore, conforteranno lui nelle tacite stanze del so ritiro; e renderanno a noi sempre preziose le omorie della sua vita. - Non inaridi, per questo, ne caddegli appresso l'antico oppo della scuola romana: anzi rinverdito nei rami o nei frutti comparirà pei successori, così degno, come

Ve n - -
" nell'altro libro, tra i due Stuoli e le Navi
rSare.

LIBRO SECONDO

IL DOPPIO STUOLO, E LE NAVI CORSARE

[1722-1754]

Cap. il cav. Papirio Bussi.

SOMMARIO DEI CAPITOLI

1 - Due stuoli. – Ufficiali. – Presa di due galeotte a Gianutri, " 1722). – Brigantino e nave passati agli imperiali, (giugno). – alta. II. – Occupato il castello di Palo, (agosto 1723). – Preso lo sciabecco tripolino, (1723). – E il pinco di Portofarina, (1724). – E la "a tunisina, (1724). – Liberazione di furiani e genovesi. – Gratitudine o naviganti. chia " – Il giubilèo, (1725). – A Malta la rosa d'oro. A civitavecdel "co e due galeotte tunisine. – Cotonine di Roma. Libreria Sacco si Cr726). – Benedetto XIII alle Paludi, (1727). – Sanfelice a dei ( olere di Francia in Civitavecchia. – Assento, (1729). – Fatti (1731) (i Assan-Rais, e la Liona d'Algeri, – La rapina della notte, liona, 732) - – Combattimento del giorno, (3 detto). – Presa della r Le o de "ene della vittoria. – Ricuperati i bastimenti perduti. – del ritorno * Segno e le zuffe piratiche intorno a Civitavecchia. – Feste VI – - Sbarco dei prigionieri. ole galere rattamento degli schiavi, vestito, e vitto. Alloggiamento Morte e ser o 1n darsena – Ospedale e carità. – Tolleranza religiosa, versioni, " tura. – Varietà, baracche, bazar. – Servigi privati. – ConVII, "o. querimonie, documenti. - pirati alla " conseguenza. – La Nave corsara d'inverno. – Anche i glio 1733). o e al vento. La vela latina. – Durano le galere, (7 luo vascello Assento e promozioni. – Combattimento della Corsara con (12 aprile 1737). Morte del Balzarini. – Ritorno del Giustiniani. – Sortita delle galere. – Presa di due bastimenti piratici, (1737). VIII. – L'Assunta, e il cap. Oderigo, pigliano uno sciabecco. – Fatto di cinque bastimenti in Anzio, (12 aprile 1738). – Ricuperati dall'Assunta. – Prese le galeotte dalle galere. – Ruoli di ufficiali. – Assento sesto del l'azzaglia, (1738). IX. – Il san Pietro, altra Nave corsara. – Costruzione, valuta, ruoli, e specchio. – Consegna del 1739. – Stuolo delle galere. – Personaggi. X. – Naufragio di pirati a Fiumicino, (174o). Galeotte prese dal Ricci, 1741) e dal Caccia. – Fontanone del Vanvitelli. – Ribellione di ciurma. – Medaglia papale. – I ranchigia del porto. XI. – Morte ed elogio di Giulio Pazzaglia, (23 febbraio 1743). – Lapidi, eredi, documenti. – Succede Girolamo Capalti, (2o ottobre 1743). XII. – La peste a Messina, (giugno 1743). – Leggi e provvisioni. – Squadriglia sul mare. –- Ordini dello Sciarmaglia, e documenti. – Supplizio del Mengravita. – Neutralità e stenti tra Spagnoli, Inglesi, e Tedeschi. XIII. – I cavalieri di Malta, i tenenti, e il nuovo stato maggiore. – Specchio, (1744). – Conseguenze. – Assento col Biamonti, (1745). XIV. – Il Papa in Anzio, (1746). – In Civitavecchia, (1747). – Magistrati e consoli. – Cappella papale a bordo per la solenne benedizione. – Varo della Capitana presente il Papa, (3o aprile 1747). XV. – Modello della Benedetta. – Descrizione dell'opera. – Cinque storie scolpite. – Misure dall'esemplare al vero. XVI. – I)ipinto insigne. – Medaglia papale. – Istruzioni – Lo stocco al Grammaestro. Pirati a Maccarese, (3o maggio 1748). XVII. – I Lorenesi in Toscana, e la loro amicizia co' barbareschi. – Due nostre navi corsare san Pietro e san Paolo, (1749). – Il giubileo, (17so). – Caso strano al Giglio, (1751). – Neutralità. XVIII. – Combattimento del Giustiniani con tre sciabecchi, (29 ottobre 1752). – Blocco al Giglio e soccorso. – Preso uno sciabecco. – Morte dell'Alberini – Venuta del Massei. – Danni ad Anzio, ed a Montalto. – Promosso il Bussi.

[merged small][merged small][merged small][ocr errors]

- Lasciata ormai da canto ai nuovi assuntori la one orientale, ancora freno a tutti gli umani orgogli - - » S g S emo noi di ritorno ai nostri lidi, tramendue i promontori d'Ercole e di Circe, dove spartite in " oli campeggeranno le nostre navi e galere pei "si atti d so i del novello governatore, succeduto al Ferretti. Cavali - - - -

avaliere Papirio Bussi , nipote del Cardinale, e conS0rto di - - - . - - - - * t -, di quegli altri capitani, già più volte nominati, che d o in Roma innestarono nei Muti la nobilissima ISCen n - a

denza, terrà più lungamente il comando, che non

- - a ol'altro stuolo cav. Carlo Aureliani della Motta, olino di or

igine, avignonese di elezione, che introdotto so da dodici

Come d anni nella nostra squadra, non guari dopo, me dirà - - - - o tornossi in Provenza . Stringevasi ai due

[ocr errors]

Co BUssi, Storia di Viterbo, in-fol. Roma, I742.
oONELLI

» Aiibl. Univ., VI, 1582, segg. o giunto, odice gener. Petronio, Papirio seniore, Antondomenico, o e Domenico, Muti-Bussi.

[ocr errors]
« ZurückWeiter »