Abbildungen der Seite
PDF

XCHA NEL MESE DI NOVEMBRE DELL'ANNO 1789.

-
P A TRIA E TA U F FI CI O
-

6o Sacerdote turchesco.
38 Storpio in galera.
58 Infermo.
34 Servo del Governatore.
59 Servo al palazzo di Rocca.
59 Al Remo.
36 Guercio filatore al filatoio.
5o Servo alla Rocca.
36 Al Remo.
5o Fante all'Ospedale.
48 Al Remo.
38 Al Remo.
4O id.
40 Invalido.
38 Mozzo per l'Arsenale.
36 Servo del Governatore.
4o Al Remo.
36 Al lòemo.
36 Servitore all'Orfanotrofio.
4O Servitore del capitano Grassi.
3 Al Remo.
5o Facchino di piazza.
28 Facchino di acqua.
24 Servo all'Arsenale. l
38 Al Remo. -
3o Al Remo e fa da facchino. l
34 Invalido, fuggitivo.
39 Facchino in piazza.
37 Al Filatoio.
29 Al Remo.
48 Al Renno.
36 Servo in Rocca. l
38 All'Arsenale.
4o Stava in Ronciglione.
59 Al Filatoio.
34 Al Remo.
5o Facchino in piazza.

28 Al Remo.

37 Al Remo.
4o Facchino d'acqua.
2 id.
25 Al Remo.
28 Facchino in piazza.
36 Al Remo.
28 id.
29 id.
35 id.
29 id.
4I id.

[graphic]

Se poi ci faremo a considerare in genere, com'ella era nella darsena di Civitavecchia, la società degli schiavi musulmani, con le costumanze locali e internazionali, niun discorso, per diffuso che fosse, potrebbe chiarire ogni cosa meglio del seguente documento scritto in Ci vitavecchia dal Console di Francia, intorno a un ricorso collettivo di tutta la comun società musulmana di detto luogo. Il fatto cade precisamente in questi tempi dove siamo ora col racconto; e riguarda a punto il Papasso, il Bombardiero, e lo Scrivano della Liona: i quali in pochi anni fatti pratici della lingua e del paese, tentarono estorcere protezioni e soccorsi dall'Africa, scrivendo enormità contro l'Italia, e contro i governatori del paese. Salito sulle furie il Bey d'Algeri, spaventato il padre Zorrilla commissario del riscatto in quella città, commosso in Roma il cardinal Gentili protettore dei Mercedari, venuta innanzi la corte di Francia mediatrice tra gli ottomani, e messo di mezzo il cardinal Firrao segretario di Stato, finalmente il Console francese ristabiliva la quiete degli animi e la verità dei fatti in questi termini o :

« Civitavecchia, 4 maggio 1739. « Noi Giovanni Antonio Vidau, consigliere del Re, « e console di Francia in Civitavecchia o. Essendo Noi « stati richiesti di ricercare la verità intorno ai seguenti « capi di accusa, scritti e mandati in Algeri e in altre

46 ARCHIvio DELLE FINANZE, già a palazzo Salviati, volumi intitolati A’avi e Galere fontificie, vol. IV, n. 38. – Originale in lingua francese e mio volgarizzamento letterale. 47 LABAT, IV, 335. FRANGIPANI, 2 I6, ANNovAzzi, pref. 26, e in fine. Nobile Famiglia originaria di Avignone, ma da più secoli stabilita in Civitavecchia, dove tutti ricordano il conte Paolo Vidau, gonfaloniere della città.

« parti di Barberia dagli schiavi musulmani che sono in « Civitavecchia, oltre alla piena conoscenza che Noi ab«biamo delle predette scritture, per accertare meglio « la verità abbiamo fatto chiamare e venire alla nostra « presenza il Papasso, o sia capo Sceriff dei musulmani, « accompagnato dai principali schiavi di questa darsena. « Ad essi abbiamo domandato chi sia di loro che abbia « scritto in Algeri e in altre parti dell'Africa li seguenti « capi d'accusa. « Primo che alcuni fanciulli di Civitavecchia abbiano

[ocr errors]

disotterrato i cadaveri dei loro morti, e poi strascinati a ludibrio per le strade di questa città. « Il predetto Papasso, o sia capo, e gli altri musul

[ocr errors][ocr errors]

mani presenti di propria bocca risposero non avere

[ocr errors]

essi mai scritto in quella forma, nè in quei termini: si bene di aver espresso il concetto che qualcuno (senza sapere chi fosse) in tempo di notte andasse a rifrustare nelle sepolture dei Turchi, ed a spogliare i « cadaveri delle vestimenta e degli altri oggetti consueti a collocarsi nelle tombe, secondo il rito musulmano. « Sopra ciò in pura verità diciamo Noi per coscienza

[ocr errors]

a

[ocr errors]
[ocr errors]

che, se ciò fosse vero, e venisse discoperto dal Governatore e dai ministri di questo paese, i ladroncelli « severamente sarebbero condannati e puniti. Per ciò abbiamo domandato al predetto Papasso, o sia capo, ed agli altri turchi presenti, se mai potessero nominare o dare qualche indizio per riconoscere i predetti la« droncelli, perchè se ne potesse mostrar loro un castigo « esemplare: ma tutti hanno risposto di non saperne. « Secondo. Abbiamo domandato chi di loro abbia « scritto essere stata chiusa la loro Moschèa, e i libri « della preghiera essere stati gettati al letamajo, « Tutto questo è falso di pianta : non solo perchè « cosi confermano il Papasso e i turchi presenti, ma

[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors][ocr errors][ocr errors][ocr errors][ocr errors][ocr errors][ocr errors][ocr errors][merged small][ocr errors][ocr errors][ocr errors][ocr errors][ocr errors]

perchè Noi cogli nostri occhi propri vediamo sempre aperta e sempre libera ai turchi la Moschèa loro concessa, e vediamo quivi conservati i libri consueti, e vediamo farvisi gli esercizi del loro culto con la stessa libertà dei tempi passati. « Terzo. Che sono state tolte via le baracche, cioè i casotti di legno, dove i turchi facevano bottega, e vendevano acquavite, sale, tabacco, ed altre derrate per campar meglio la vita. « Nè pur questo è vero nei termini espressi. Noi vediamo oggi, come jeri vedevamo, e domani vedremo gli stessi schiavi in possesso delle medesime baracche in questa darsena; e quivi farsi mercato, non solo lecito, ma anche frodolento di contrabbando. Ciascuno sa che in tutto il mondo vi sono appaltatori di gabelle: i quali, a loro rischio e pericolo, le pigliano e riscuotono le tasse, ricevendo dal Fisco autorità sufficiente a far valere l'impresa, ed a frenare i contravventori: altrimenti essi non potrebbero pagare le corrisposte, donde lo Stato trae le maggiori sue rendite. Ora gli appaltatori di Civitavecchia qualche volta chiudono gli occhi, e lasciano correre contrabbandi e schiavi, senza esigenze di troppo rigore: ma non possono sempre tacere, nè devono sempre favorire il commercio vietato. Non però di meno, ad onta di tutte le cautele, costoro delle baracche deludono i gabellieri e continuano nelle frodi, come hanno fatto e fanno continulamente. «Queste cose dobbiamo Noi dire per sincera esposizione della verità, e per aperta testimonianza di coscienza: e in fede di essa abbiamo sottoscritto la presente di nostra mano propria, e appostovi il sigillo di questo consolato di Francia in Civitavecchia, li 4 maggio 1739. – Vidau. – Loco del sigillo. – Forèt cancell. » A questo documento, pel quale si quietavano in Algeri e in Civitavecchia i turchi e i cristiani, va unita una lettera dello stesso Vidau al suo collega console di Francia nella Reggenza, dove più alla libera confuta le imposture del papasso Moassa-aly, del bombardiero Achnet-Aly, e dello stesso scrivano Kalil Amour tutti e tre della Liona: promette di tenerlo informato dei successi futuri, gli notifica la libertà già concessa ad un tale Maometto d'Ismail richiesto dal Bey-pascià in cambio di un cristiano, e conchiude con queste parole importantissime al nostro argomento o, «Vi prego in grazia: ser« vitevi di tutto il vostro credito e di tutta la vostra « autorità per rendere sicuro il Bey-pascià, o governa«tore di Algeri, che non v'ha paese in tutta la cristia«nità, e dirò anche in tutto il mondo, dove gli schiavi « siano trattati meglio di qui, e dove vivano con mag«gior libertà. Anzi questo appunto li rende più teme« rari che altrove, tanto nella insubordinazione al di« dentro, quanto nei reclami al difuori. Guai ai poveri « Cristiani nostri di Barberia, se avessero osato mai la « centesima parte di ciò che qui fanno di male gli schiavi « turchi! Sarebbero stati tutti, dal primo all'ultimo, con « ogni strazio trucidati! » Alla fine del secolo, occupata l'Italia dai repubbli

cani di Francia, tutta la caterva barbaresca fu rimessa all'Africa o.

o ARCHIvIo cit., n. 38, Lettera del Vidau al console di Francia in Algeri, data da Civitavecchia 4 maggio 1739: o - - - - - - Il n'y a point d'endroit dans toute la chréstianità, ny au monde, les ésclaves soient mieu a traités, et avec tant de liberi'é, qui icy. C'est ce qui les rend si temeraires. » o BoNAPARTE, Correspondance, in-fol., Parigi, 186o, IV, 16I, 2 12: « Dans tous les ports Bonaparte a fait sur-le-champ met/r en liberté tous les esclaves barbaresques qui s') trouvaient »

« ZurückWeiter »